ACCEDI
Inserisci i tuoi dati per accedere

Caffè espresso VS caffè moka: differenze




Le macchina per caffè espresso: l’estrazione della bevanda avviene a cura di un motore elettrico, una pompa che genera una pressione piuttosto alta che va dalle 7,5 alle 9 atmosfere. Almeno per definizione perchè le macchine di recente generazione, talvolta, raggiungono pressioni ancora superiori.

La caffettiera moka: lavora invece quasi senza pressione o meglio con la lieve pressione creata dal vapore acqueo e dalla dilatazione dell’aria che si surriscaldano all’interno della caldaia (la parte inferiore). Questa pressione fa risalire l’acqua lungo il cannello del filtro e, da qui, la spinge in caffettiera (la parte superiore) attraverso prima il pannello di macinato e poi il cannello di erogazione.

Se volessi, per qualche ragione, ottenere la stessa pressione della macchina espresso tramite il solo vapore scaldato sul gas, dovrei raggiungere temperature altissime che determinerebbero una bevanda bruciata, ricca di sostanze tanniche e legnose, per cui amara, allappante e, insomma, imbevibile.

Differenze di corposità e sciropposità
La maggiore corposità e sciropposità del caffè espresso rispetto a quello ottenuto con la moka, dipende dalla diversa tecnica di estrazione che avviene nelle due preparazioni. Cerchiamo di spiegarlo meglio.

La resistenza al passaggio dell’acqua attraverso delle palline, delle biglie, della sabbia o del caffè, aumenta al diminuire del diametro delle sfere e, per penetrare, il liquido avrà bisogno di una pressione più decisa. Poichè nella moka la pressione non è generata da un motore elettrico ma dal surriscaldamento di acqua e aria contenute in caldaia, per far penetrare l’acqua sarà necessario o innalzare la temperatura (con l’effetto di ottenere un caffè bruciato) oppure avere una minore resistenza usando un macinato con una granulometria maggiore, un po’ “più grosso”.

Un’estrazione con minor pressione produrrà, inevitabilmente, una minor percentuale dei cosiddetti “solidi disciolti”, cioè una bevanda con minor estratto secco, meno corposa e meno sciropposa.